TARANTELLA *CRUDA -Note di regia a margine dello spettacolo

ANTROPOLOGIA TEATRALE E TARANTELLA

visioni sulla danza popolare contemporanea 

di Tullia Conte

 

 

TARANTELLA *CRUDA al MANN – NAPOLI

Note di regia a margine dello spettacolo

Parlare di “danza popolare contemporanea” e di “Tarantella” (invece di pizzica, taranta e quant’altro) rappresenta una scelta politica, a lungo meditatata e contraria al conservatorismo cavalcato dalla cultura capitalista che desidera diversificare al solo scopo di meglio vendere.

Compiere delle scelte di questo tipo significa avere il coraggio di essere diversi, di raccontare storie diverse che riescono ad emozionare le persone. Ho proposto al pubblico napoletano l’anteprima di uno spettacolo che parla di noi, della nostra cultura complicata. Ho suonato una tarantella con i piedi, non ho avuto bisogno ne di “tamburelli” ne di “tarantati” e nemmeno di enormi gonne roteanti per attirare l’attenzione su una danza che é parte di uno dei fenomeni culturali più complessi al mondo.

Ho visto delle persone tra il pubblico piangere durante lo spettacolo, perché la memoria é l’arma potente che puo’ nutrire il combattimento sul senso delle cose,  inevitabile e necessario in questo momento storico per chi vuole intervenire nella realtà attraverso l’arte.

Di questa mia lungimiranza sono contenta, mi ripago attraverso momenti come questi di anni di fatica e litri di lacrime. Ringrazio la compagnia che insieme a me compie questo difficile cammino, premiandomi sempre con impegno e anima, qualità indispensabili per chi lavora con me:
Tommaso Sollazzo, Gianluca Campanino, Milena Acconcia, Dante Sollazzo, Antonella Nicois, impagabili nei loro rispettivi ruoli hanno donato tantissimo a questa operazione culturale che é senza precedenti.

Ringrazio, per la stessa lungimiranza, Marco de Gemmis, che mi ha permesso attraverso l’impeccabile lavoro svolto insiema a tutti i colleghi del Museo Archeologico di Napoli – Servizio Educativo, di avere un palcoscenico da sogno per l’anteprima: il MANN é diventato lo spazio scenico che ha contribuito con la sua energia millenaria all’anima di questo spettacolo. Inoltre, grazie a questa esperienza, ho appreso che a Napoli esistono ancora spazi di espressione lontani da certe logiche camorristiche, dove anche una “giovane emergente” come me puo’ trovare spazio per il confronto e l’epressione del proprio percorso artistico.

Ringrazio anche il Pubblico e gli accaniti lettori di questo blog, che con il sostegno e le osservazioni contribuiscono quotidianamente all’arrichimento della mia persona e della mia arte.

Ecco il promo ufficiale dello spettacolo, buona visione!

 

_____________________________________________________________

tullia conte 2013 © riproduzione riservata

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: